Verdini: Ccf nel mirino di Bankitalia per operazioni sospette


Verdini: Ccf nel mirino di Bankitalia per operazioni sospette

verdini denis

Gli ispettori di Bankitalia che hanno verificato le operazioni dubbie del Credito Cooperativo Fiorentino di cui era Presidentre Denis Verdini, coordinatore del Pdl, ora dimessosi dall’incarico della banca ma non da quello del partito, avrebbero riscontrato gravi inadempienze nell’operato per le pratiche istruttorie degli affidamenti, concessi con troppa facilita’ e talvolta con finalita’ sospette.

Inoltre il provvedimento di amministrazione straordinaria della banca, peraltro finita nell’indagine sulla cosiddetta P3, disposto con decreto da Tremonti il 27 luglio scorso, aveva all’origine anche la tardiva applicazione delle norme antiriciclaggio a cui le banche per legge sono tenute. Le operazioni riguardavano un ammontare rilevante, tuttavia il patrimonio del Ccf risulta ancora sufficiente anche se in progressiva erosione, anche per effetto delle possibili difficolta’ di rientro di alcuni affidamenti concessi senza approfonditi esami delle contropartite.

Chiacchiere simili