Silvio Berlusconi e Veronica Lario, separazione e divisione dei beni


Silvio Berlusconi e Veronica Lario. Siamo alle trattavive finali per la vicenda che ha visto il Premier Silvio Berlusconi contrapposto alla moglie Veronica Lario al secolo Miriam Bartolini e dopo aver visto i soliti litigi a suon di avvocati, ora che il momento e’ giunto gli animi sembrano piu’ pacati ed anzi si parla di malinconia della quasi ex moglie del Presidente del Consiglio.

Non si conoscono dettagli sull’importo che svolazzava dai 3 milioni di euro al mese chiesti da lei a “solo” 200.000 offerti da lui.

Ma non e’ questo quello che importa, quello che, come da copione, anche in questo caso e’ emerso che la disputa verteva sempre su denaro e case, case e denaro. Il resto e’ un dettaglio.

30 anni di vita insieme sono rotolati via travolti dalle carte dei legali, sabato nell’udienza preliminare di conciliazione questo e’ stato l’oggetto e mal si adatta alla dichiarata soddisfazione espressa dal leader tramite i suoi avvocati.

Nulla di nuovo sotto il sole d’Italia (anche se di sole -sia fisico che metaforico- ne abbiamo visto poco) e nonostante i veleni che talvolta accompagnano storie vissute intensamente, sabato il Cavaliere Silvio Belusconi non ha voluto o potuto negare alla madre dei suoi figli Veronica Lario di rimanere nella villa di Macherio dove ha vissuto praticamente da sempre.

In definitiva se di conclusione pacifica si deve parlare questo sta a significare che anziche’ una fredda rancorosa richiesta di separazione, e’ stata scelta una piu’ accomodante separazione consensuale di cui non sono noti i termini economici, e forse e’ meglio cosi’!

silvio berlusconi veronica lario

Chiacchiere simili