Power Balance, miracolo della tecnologia o bufala?


power balance

Power Balance, miracolo della tecnologia o bufala? Power Balance il braccialetto colorato in silicone e in neoprene che secondo quanto si dice ti riempie di energia, il gadget tecnologico diventato in pochissimo tempo il must have dell’estate finisce sotto inchiesta da parte dell’Antitrust per possibile pratica commerciale scorretta. Le due societa’ che lo commercializzano la Power Balance Italy e Sport Town, dovranno presentare entro 15 giorni la documentazione medica per quanto riguarda le effettive proprieta’ che ha sul corpo umano e l’assenza di eventuali controindicazioni sulla salute. Il Power Balance secondo la pubblicita’ dovrebbe, migliorare le prestazioni sportive, ridurre lo stress e far passare persino il mal di mare.

Power Balance e’ stato ideato da due fratelli surfisti californiani e in pochissimo tempo e’ diventato l’oggetto cult delle star e dei calciatori, servendosi di un piccolo ologramma che possiede dei campi magnetici, favorisce l’aumento del benessere e dell’equilibrio entrando in contatto con i sistemi biologici del nostro corpo. Il braccialetto dell’equilibrio sta facendo letteralmente impazzire sportivi e non sportivi, giovani e meno giovani. Sara’ un vero miracolo della tecnologia o e’ una bufala?

Chiacchiere simili

  • http://www.emcy.it Emcy Square

    Il perche “NON PUO” funzionare:
    – la tecnologia, come la chiama l’inventore, è nell’ologramma. L’ologramma non fa nulla di attivo: riflette la luce e ti fa vedere le cose in 3D…
    – lo stesso inventore in un video dice che la tecnologia è la stessa dei cristalli e dei magneti e dei bracciali di rame… peccati che queste cose non abbiano nulla in comune a livello fisico.
    – se deve funzionare con le “onde” o con l’energia allora la POSIZIONE, l’ ORIENTAMENTO, la DIREZIONE ed il VERSO dovrebbero avere un minimo di importanza e qundi andrebbe indossato in un modo preciso…. mentre non ci sono indicazioni di nessun genere. Basta metterlo su…

    Dove sta “IL TRUCCO”
    Ci sono diversi aspetti:
    – effetto placebo, sia per chi si sottopone al test che per chi lo fa
    – Effetto della “conferma soggettiva”: cerchiamo solo conferme alle cose a cui vogliamo credere, siamo fatti così purtroppo. Ergo tutto il “bene” (via il mal di collo, di testa, concentrazione, respirazione, pene più lungo…) sono merito del PB… per chi ci crede.
    – effetto “memoria” del corpo: se mi sottopongo ad uno sforzo (quelli dei test) e fallisco, poi dopo 8/10 secondi riprovo, ho il cervello “tarato” per non fallire più, ergo metto in atto delle contromisure preventive che aumentano di molto la probabilità di riuscire.
    – un vero trucco: basta che le spinte non siano perfettamente perpendicolari verso il terreno per sbilanciare di più. Se ci fate caso nei video accade così: bastanano anche 10 gradi e si sente subito la differenza! Se non ti spingo solo in basso, ma anche un filino fuori asse, il corpo registra l’informazione “in basso” che è più forte, ma si fa fregare da quel poco di spinta che non è allineato. Provate a chiedere a chi fa judo e ve lo conferma.

    Prova del nove:
    – Fate e fate i test con un PB vero e con uno tarocco. C’è differenza?
    – Fate prima la prova CON il bracciale, poi SENZA. C’è differenza?
    – Fate la prova con PESO, un banubrio, una bottiglia piena, un fustino… Cambia?
    – SUPERTEST: fate il test in tre: il primo si sottopone al test, il secondo porta le spinte sul primo, il terzo mette o toglie il PB sul primo senza che NESSUNO DEI DUE sappia cosa ha fatto. Poi scoprite le carte. Funziona??