Festival di Sanremo 2011: il testo dell’Inno di Mameli aspettando Benigni


festival di sanremo 2011 inno di mameli aspettando benigni

Festival di Sanremo 2011: il testo dell’Inno di Mameli aspettando Benigni Come abbiamo gia’ detto nell’articolo precedente stasera nella terza serata del Festival di Sanremo 2011 in occasione delle celebrazioni del centocinquantesimo anniversario dell’ Unita’ d’Italia ospite d’onore ci sara’ il grande e tanto atteso Roberto Benigni. Il comico toscano e premio Oscar interpretera’ a modo suo Il Canto degli Italiani noto come l‘Inno di Mameli.

Visto che se ne parlera’ stasera al Festival di Sanremo, per conoscerlo meglio, ecco qui di seguito il testo integrale:

Fratelli d’Italia, l’Italia s’e’ desta, dell’elmo di Scipio s’e’ cinta la testa. Dov’e’ la Vittoria? Le porga la chioma che’ schiava di Roma Iddio la creo’.
Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’. Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.Si’.
Noi fummo da secoli calpesti, derisi, perche’ non siam popoli, perche’ siam divisi. Raccolgaci un’unica bandiera, una speme: di fonderci insieme gia’ l’ora suono’.
Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’. Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.Si’.
Uniamoci, uniamoci, l’unione e l’amore rivelano ai popoli le vie del Signore. Giuriamo far libero il suolo natio: uniti, per Dio.
Chi vincer ci puo’? Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.
Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.Si’.
Dall’Alpe a Sicilia. Dovunque e’ Legnano; Ogn’uom di Ferruccio ha il core e la mano; I bimbi d’Italia si chiaman Balilla; il suon d’ogni squilla i Vespri suono’.
Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’. Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.Si’.
Son giunchi che piegano le spade vendute; gia’ l’Aquila d’Austria le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia e il sangue Polacco beve’ col Cosacco. Ma il cor le brucio’. Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.
Stringiamoci a coorte siam pronti alla morte, siam pronti alla morte, l’Italia chiamo’.Si’!

Chiacchiere simili