Armani Re Giorgio: One Night Only Roma


Armani ottavo re di Roma, One Night Only Roma. Re Giorgio, al secolo Giorgio Armani, il piu’ grande stilista italiano, noto e apprezzato in tutto il mondo ed alfiere della moda italiana ieri ha inaugurato la sua nuova boutique a tre piani in Via Condotti, una delle vie piu’ prestigiose ed eleganti della capitale. Un punto vendita di altissimo livello che si snoda su oltre 900 metri quadrati e che sta a significare l’ottimismo dello stilista nei confronti di un settore, quello della moda, al quale, come ha avuto modo di precisare nel corso della serata, l’Italia non attribuisce la giusta importanza.

one night giorgio armani

 

Giorgio Armani dopo la cena all’Antica Pesa, un locale caratteristico di Trastevere, ha fatto da anfitrione per oltre 700 invitati ad una spettacolare festa all’Eur, allestita nel Colosseo Quadrato, approntato per l’occasione per ospitare una vera e propria pioggia di stelle, da Tina Turner a Sophia Loren, a Ornella Muti e tante altre.

armani tina turner

Il Palazzo della Civilta’ Italiana, un parallelepipedo a pianta quadrata, con quattro facciate identiche noto come il Colosseo Quadrato, nel quale si e’ svolta la festa One Night Only di Armani, e’ stato un perfetto contesto sia per una memorabile sfilata sia per la mostra di 62 pezzi provenienti dalle sue collezioni e intitolata ‘eccentrico’ per la natura appunto eccentrica delle singole opere.

Nel corso della serata poi lo stilista ha voluto inviare alcuni messaggi, neppure tanto velati, sia rivolti a tutti, come quando facendo riferimento al titolo della sua mostra ha precisato che l’eccentricita’ non e’ sinonimo di eleganza o di gusto come invece lo e’ spesso la sobrieta’. Poi si e’ rivolto agli amministratori della Citta’ di Milano ai quali ha lamentato apertamente la scarsa cura della citta’, l’eccessiva presenza di graffiti, le scritte al neon troppo invasive ed inestetiche e in definitiva la minor pulizia rispetto alla capitale. Le critiche pare che abbiano colpito nel segno se il vicesindaco di Milano ha ritenuto di dover prendere le difese della citta’ meneghina che pur tuttavia e’ e rimane tuttora la capitale della moda, come Armani ha ribadito, e che ha quindi dei doveri nei confronti del mondo e dei suoi cittadini. Infine, con una bella ed incisiva dichiarazione rivolta alla Camera della Moda, Re Giorgio ha ribadito che ne diventera’ socio solo quando tutti i marchi italiani che sfilano all’estero ritorneranno a Milano.

armani re giorgio roma

Sebbene la moda, e soprattutto l’alta moda di cui lo stilista e’ il massimo rappresentante, e’ meno soggetta agli effetti della congiuntura, in un momento di grande difficolta’ per il nostro Paese e di compressione dei consumi, le iniziative di Armani suonano come una sveglia per le nostre istituzioni, e a lui, anche di questo, siamo tutti grati.

 

Chiacchiere simili