Affitti, cedolare secca al 25%


affitti cedolare secca

Affitti, cedolare secca al 25% In una bozza di decreto legge pronto per il Consiglio dei Ministri e’ contenuto il provvedimento che prevede l’istituzione di una cedolare secca del 25% sugli affitti che dovra’ essere pagata dal 2011 dai proprietari di immobili locati. La nuova tassa sara’ su base volontaria in quanto qualora il proprietario non avesse altri redditi avrebbe convenienza a pagare il 23% (aliquota Irpef minima). A fine anno andrebbe versato l’acconto dell’85% sul 2011 che nel 2012 salira’ al 90%

Insomma e’ un altro sistema per fare cassa, mentre rimane in dubbio se possa avere una qualche efficacia per scovare evasione sommersa.

A latere del provvedimento della cedolare sugli affitti nel decreto legge dovrebbe essere ricompreso anche un provvedimento che consentira’ ai Comuni di reperire risorse mediante l’applicazione di una nuova tassa sugli immobili che colpira’ i proprietari di seconde case (IMP imposta municipale propria) che verra’ applicata dal 2014 e che dovrebbe essere una sorta di Ici maggiorata, mentre un’altra (IMU imposta municipale secondaria facoltativa) relativa all’occupazione del suolo pubblico.

Ovviamente queste indiscrezioni hanno trovato contrarie le associazioni consumatori, le associazioni proprietari e Confedilizia che vedono in questo giro di vite un ulteriore problema che contribuira’ a rallentare la ripresa del settore che gia’ sta attraversando un periodo di grave crisi.

.

Chiacchiere simili